associazione no profit

Come creare un’associazione non profit

Creare un’associazione non profit è un’azione significativa perché permette di contribuire attivamente a delle cause che possono essere sociali, culturali o ambientali. Realizzare un’organizzazione di questo tipo richiede passione, dedizione e allo stesso tempo bisogna essere preparati nel comprendere le leggi, le procedure burocratiche e le strategie di gestione che non un’associazione non profit comporta. Ma quali sono i passaggi essenziali per avviare un’associazione di questo genere? Cerchiamo di capirne di più sull’argomento.

La definizione dell’idea e degli obiettivi

Per chiunque voglia impegnarsi nel terzo settore, il primo passo nel creare un’associazione non profit è quello di partire da un’idea, definendo gli obiettivi dell’organizzazione. È essenziale avere una visione chiara su ciò che si vuole realizzare. Inoltre, bisogna comprendere profondamente il valore che l’associazione vuole portare alla comunità o al settore di interesse.

Per raggiungere questo scopo, occorre fare un’analisi e scoprire quali siano le necessità insoddisfatte a livello sociale, chiedendosi come l’associazione può rispondere a queste esigenze.

La scelta della forma giuridica

Appare veramente importante familiarizzare con la normativa che vige nel nostro Paese o in un altro Paese, comunque nello Stato in cui si vuole aprire l’organizzazione. Infatti, le leggi che regolamentano le associazioni non profit possono variare molto tra un Paese e l’altro. In Italia, ad esempio, esistono varie forme giuridiche fra le quali si può scegliere.

Ci sono le associazioni di promozione sociale dette APS, le organizzazioni non governative chiamate ONG e le organizzazioni di volontariato indicate dalla sigla ODV. È sempre opportuno consultare un legale o un consulente specializzato, anche perché non bisogna dimenticare che la scelta della forma giuridica può influenzare alcuni aspetti, come i requisiti burocratici e la possibilità di ottenere finanziamenti.

La messa a punto dello statuto e dell’atto costitutivo

Lo statuto è il documento che regola la vita dell’associazione e delinea gli scopi, gli organi sociali, le regole per la gestione e le modalità con cui i soci sono ammessi. L’atto costitutivo è il documento che sancisce la nascita dell’associazione. Questi documenti devono essere redatti tutti e due con una certa attenzione, magari facendosi aiutare da un legale.

La registrazione dei documenti

Dopo aver messo a punto lo statuto e l’atto costitutivo, l’associazione deve essere registrata presso l’autorità competente, che varia da Paese a Paese. Per esempio, in Italia ci si può registrare presso l’Agenzia delle Entrate e il Registro Regionale delle Persone Giuridiche. È fondamentale ottenere il riconoscimento legale, perché è garanzia dell’operato trasparente e per accedere anche a finanziamenti e agevolazioni fiscali.

La pianificazione finanziaria

Per sostenere le sue attività, l’associazione non profit deve avere a disposizione una pianificazione finanziaria piuttosto solida. Innanzitutto si deve possedere un budget iniziale e poi si procede all’analisi dell’identificazione di altre possibili fonti di finanziamento, come, per esempio, i contributi pubblici e le donazioni. Importante è la gestione efficace delle risorse, anche per costruire credibilità e fiducia tra i sostenitori.

Il coinvolgimento della comunità

Si passa poi ad un altro aspetto da non trascurare, che è rappresentato dalla promozione dell’associazione, coinvolgendo la comunità. A questo scopo deve essere sviluppata una strategia di comunicazione efficace, che può svolgersi online, ma anche offline. L’organizzazione così può diffondere la sua missione ed aumentare la consapevolezza su temi specifici. Questo serve a reclutare volontari e sostenitori.

Si possono organizzare eventi, workshop, si possono fare campagne sui social media. Si possono instaurare collaborazioni con altre organizzazioni per aumentare la visibilità e l’impatto sociale dell’associazione. Creare un’associazione non profit è un percorso impegnativo, ma che può portare a risultati estremamente gratificanti. Ciò che conta è procedere con determinazione, professionalità e con le intenzioni rivolte al bene comune a livello sociale.

Leggi altre notizie ed approfondimenti
lavoratore autonomo che lavora al computer
Partita IVA, regime forfettario: tutto quello che devi sapere

Il panorama occupazionale da sempre è costituito da diverse tipologie di lavoratori: dalla forma più comune, ossia i dipendenti (specie Leggi tutto

partita iva intracomunitaria simbolo euro unione europea
Apertura della partita IVA intracomunitaria: come funziona?

La funzione principale della partita IVA è quella di permettere al lavoratore o all’azienda di effettuare attività di compravendita di Leggi tutto

riunione scrivania ufficio azienda
Scegliere la giusta forma societaria in Italia: ottimizzazione fiscale e strategie aziendali

Nel dinamico contesto economico italiano, la scelta della forma societaria rappresenta una delle decisioni più significative per gli imprenditori e Leggi tutto

startup scritta su schermo
Startup, ecco i 7 passi per avviare la tua impresa

Sebbene le startup utilizzino spesso tecnologie innovative, sono caratterizzate da un modello di business cosiddetto scalabile che consente loro di Leggi tutto

colloquio di lavoro
Colloquio Di Lavoro: i 10 (+1) Aspetti Chiave per Prepararsi Al Meglio

Hai un colloquio di lavoro programmato fra qualche giorno. Congratulazioni, ma ora è il momento di prepararsi. Di seguito trovi Leggi tutto

carrello elevatore movimentazione merci in magazzino
Sicurezza dei carrelli elevatori: consigli e procedure per migliorare l’efficienza operativa

In un mondo aziendale in cui l'efficienza e la sicurezza sono imprescindibili, la movimentazione dei carichi rappresenta una componente critica Leggi tutto